Il senso di responsabilità viene dal cervello. Un nuovo studio italiano

«Ogni giorno compiamo azioni che producono effetti nel mondo esterno e abbiamo pochi dubbi su chi abbia causato che cosa» «Secondo alcuni, questo senso di agency deriva da una ricostruzione a posteriori di una probabile relazione causale tra un evento e i nostri gesti precedenti; altri hanno suggerito che il senso di agency possa derivare […]
Continua a leggere

Le basi genetiche dell’alcoldipendenza: lo studio dell’Università di Yale

Lo scorso 25 maggio, sulla rivista scientifica Nature Neuroscience è apparso un interessante studio condotto da un gruppo di ricercatori della Yale University School of Medicine che getta nuova luce sui rapporti tra genetica e dipendenza da sostanze alcoliche. All’esito di un’analisi condotta sull’intero genoma di oltre 435.000 persone, volta a individuare le varianti genetiche […]
Continua a leggere

“Squilibrio” cerebrale e coscienza: un nuovo studio

La coscienza è un fenomeno affascinante, ma elusivo, ed è impossibile specificare cos’è, cosa fa, o perché si è evoluta. Niente che valga la pena di leggere è stato scritto a proposito – Stuart Sutherland, The International Dictionary of Psychology, 1989   Da sempre gli scienziati e i ricercatori di tutto il mondo sono impegnati […]
Continua a leggere

Siamo sicuri che la specie umana sopravviverà per sempre?

«La Natura è una grande sperimentatrice […]. Fondamentalmente scarta le specie che non supportano l’intero sistema […] che non sono di qualche beneficio per il sistema». «Siamo dannosi, causiamo grandi calamità, siamo crudeli». «Non siamo di beneficio al sistema». Stiamo vivendo e facendo esperienze pensando di essere separati da tutto e da tutti. Non possiamo […]
Continua a leggere

Comportamento antisociale persistente: una diversa struttura cerebrale?

Uno studio apparso il 17 febbraio sulla rivista The Lancet Psychiatry suggerisce che le persone che manifestano comportamenti antisociali persistenti (che durano, cioè, tendenzialmente per tutta la vita) potrebbero avere una struttura cerebrale diversa dagli altri individui[1]. Il team di undici ricercatori autori della pubblicazione hanno coinvolto nello studio 672 persone, nate tra il 1972 […]
Continua a leggere