Credit to Pixabay.com

Questa la risposta di Mauro Palma, Presidente del Garante nazionale dei diritti dei detenuti e delle persone private della libertà personale, nel corso della sua intervista per Il Riformista:

***

«Contrariamente a quanto molti risponderebbero, e cioè il sovraffollamento, per me è la qualità del tempo che il detenuto trascorre in carcere. Non può essere un tempo solo sottratto, che si fa passare aspettando che finisca.

E non può essere un tempo diverso dalla vita

Pensiamo a un detenuto che entra in carcere e ci resta anni durante i quali fuori accadono delle cose e c’è progresso tecnologico: se questo detenuto non è aggiornato, come troverà lavoro una volta fuori?

Inoltre, ogni volta che vado in carcere vedo detenuti impegnati in lavoretti come se non vivessero una vita adulta

Il tempo in carcere è un tempo doloroso ma deve anche essere un tempo di vita, di vita reale. Il primo problema quindi è la qualità del tempo, più che la quantità».

Mauro Palma

Presidente del Garante nazionale dei diritti dei detenuti e delle persone private della libertà personale
___________

 

Leggi l’intero articolo di V. Lanza, Virus e carceri, l’allarme del garante Mauro Palma: “Misure giuste ma scarse”, in Il Riformista, 30 Ottobre 2020

Scrivi un commento