Credits to Unsplash.com

«La Natura è una grande sperimentatrice […]. Fondamentalmente scarta le specie che non supportano l’intero sistema […] che non sono di qualche beneficio per il sistema».

«Siamo dannosi, causiamo grandi calamità, siamo crudeli».

«Non siamo di beneficio al sistema».

Stiamo vivendo e facendo esperienze pensando di essere separati da tutto e da tutti. Non possiamo continuare a vivere in questo modo

_____________________________________

Guarda il video completo:

 

3 commenti

  1. Concordo: è verosimile che la Natura, ritenuta colma la misura, si sbarazzi della specie umana.
    Ma se, per pietà o monito alle altre specie, decidesse di conservare un piccolo campione di noi, chi terrebbe?
    Non so, mi viene più facile immaginare chi non terrebbe.
    Non terrebbe gli uomini di legge, nessuno.
    Non vorrebbe questa gente che ha scisso ogni atomo del diritto e non riesce più a ricomporlo.
    Non vorrebbe gente che, discettando delle vite altrui, ha dimenticato come vivere la propria.
    Mi sento spacciato.

    Rispondi
  2. Egregio Dr. Giglio, la Natura distingue. Questa pandemia, ad esempio, è molto probabile che risparmierebbe le persone come Lei (i trentacinquenni), specie se vivessero in un Paese con un Sistema Sanitario adeguato (i Colleghi pneumologi cinesi che sono venuti ad aiutare gli italiani la settimana scorsa hanno sottolineato l’importanza del trattamento precoce in terapia intensiva, in quei reparti, cioè, che sono quasi ovunque già intasati in Italia). Il tasso di letalità si sapeva (già per la SARS 2002-2003) che sarebbe stato superiore al 55% per gli ultrasessanticinquenni. Quindi i più giovani sopravviveranno. Almeno fono alla prossima pandemia, che potrebbe colpire soprattutto i giovanissimi: anche i virus sono egoisti! Alle pandemie generate dalla Natura si può sopravvivere. Anche alle epidemie di nichilismo, di egoismo e di stupidità (che sono quelle abituali della specie umana) si riesce forse a sopravvivere, ma con maggiore difficoltà. Forse gli attuali uomini di legge, una pandemia “morale” non li terrebbe, ma terrebbe gli uomini della Legge.

    Rispondi
  3. Sono un giurista e ho tutti i vizi della categoria.
    Tranne uno: non ritengo i miei pensieri così preziosi da non poterli modificare.
    Quindi cambio idea e aderisco alla sua.
    Purtroppo anche Lei è caduto in errore: ho 61 anni, non 35, niente fascia protetta per me.

    Rispondi

Scrivi un commento